martedì 24 aprile 2018

♥ ♥ ♥ Lettere ♥ ♥ ♥ (2)


La stampa, specie quella scandalistica, può fare molti danni alla vita delle persone, o almeno questo potrebbe essere un effetto collaterale dell’entrare nella vita privata di qualcuno rendendola di pubblico dominio.
È quello che è successo a Marie Curie nel 1910, quando iniziò la sua relazione con Paul Langevin. Ma andiamo per gradi.
Tre anni dopo aver ricevuto, insieme al marito Pierre Curie, il Premio Nobel nel 1903, Marie rimase vedova a seguito di un tragico incidente: nell’attraversare una trafficata strada parigina, Pierre scivolò sotto un carro trainato da cavalli e morì sul colpo.
Nel 1910, quattro anni dopo la perdita, Marie iniziò una relazione con un giovane professore di fisica, Paul Langevin, che si era da poco separato dalla moglie. Quest’ultima, però, non accettò la separazione e considerò Marie Curie come unica responsabile. Per vendicarsi, incaricò qualcuno di entrare di nascosto nell’appartamento dove i due s’incontravano e rubare le loro lettere d’amore, che lei prontamente trasmise alla stampa. Questa passò al setaccio la vita di Curie e la dipinse come l’ebrea straniera colpevole di aver distrutto una famiglia.
a situazione precipitò velocemente e, di ritorno da una storica conferenza a Bruxelles, dove ebbe la fortuna d’incontrare Albert Einstein, Curie trovò una folla inferocita ad accoglierla fuori alla sua abitazione a Parigi e fu costretta a rifugiarsi, insieme alle figlie, a casa di amici.
Quando Einstein venne a conoscenza dello scandalo, fu indignato dalla crudeltà della stampa che aveva reso di pubblico dominio una situazione privata con la deliberata intenzione di distruggere la reputazione scientifica di Curie.
Così, per testimoniarle la sua vicinanza, Einstein scrisse una lettera alla collega, 
Poco dopo lo scandalo, Curie ricevette il suo secondo Premio Nobel, questa volta in chimica per la scoperta del radio e del polonio. Ad oggi, l’unica persona ad aver vinto il Premio Nobel in due discipline diverse.




Albert Einstein
Lettera a Marie Curie

Stimatissima signora Curie,
non rida di me se Le scrivo senza avere nulla di ragionevole da dire.
Ma sono talmente in collera per le maniere indecenti con cui il pubblico si sta ultimamente interessando a Lei, da sentire di dovere assolutamente dare sfogo a questo mio sentimento.
Ad ogni modo, sono convinto che Lei coerentemente disprezzi questa gentaglia, sia che questa elargisca ossequiosamente stima nei suoi confronti sia che tenti di soddisfare il proprio appetito per il sensazionalismo!
Mi sento spinto a dirle quanto io sia arrivato ad ammirare il suo ingegno, la sua energia e la sua onestà, e che mi sento fortunato ad aver avuto la possibilità di conoscerla di persona a Bruxelles.
Chiunque non appartenga a questa schiera di rettili è certamente felice, ora e anche prima, del fatto che abbiamo tra noi persone come Lei, e anche come Langevin, persone reali rispetto alle quali si prova il privilegio di essere in contatto.
Se la gentaglia dovesse continuare a occuparsi di lei, non legga quelle fesserie ma piuttosto le lasci ai rettili per cui sono state prodotte.
Con i miei più amichevoli ossequi a lei, Langevin e Perrin,
cordialmente,

A. Einstein

Praga 23 novembre 1911




13 commenti:

  1. Dani, non commenti e vuoi essere commentata.
    Non è possibile.

    RispondiElimina
  2. Non ho mai detto che voglio essere commentata.
    A me piace scrivere, già mi basta.Si commenta solo se si è interessati all'argomento.
    Forse sbagli blog, o persona.
    Buona notte!
    Dani

    RispondiElimina
  3. Perché? I veri blog sono nati per relazionarsi liberamente, per avere amicizie, qualcuno ha trovato anche l' anima gemella . Pensa un po'. Si può discutere anche con toni accesi quando serve. La storia di rispondere solo in tema al blog dove sta scritto? Lo dice l' Admin? Certo, ma solo per chi ci guadagna sopra. A me non ha mai imposto nulla. Il blog è come un diario di bordo. Un blog può far gioire e piangere tanto, un blogger può raccontare verità tanto nascoste. A ognuno la propria responsabilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi relaziono benissimo nella vita reale, io vado a visitare molti blog, ma commento solo, se lo trovo interessante, dagli "amici"blogger a volte passo per lasciare un saluto.
      Ciao Larissa.
      Dani

      Elimina
    2. Ciao Dani. Buona liberazione.

      Elimina
    3. Nella vita reale ho poche amiche ma buone. A volte ci comprendiamo a volte discutiamo. Stai attenta, anche tu sei sensidibile, quel relazionarsi benissimo sta molto a ...cuore agli ipocriti.
      Ciao Dani.
      PS Gus è fatto così. Va dove tira il vento. Forse avrà i suoi motivi. Noi siamo libere. Almeno io.

      Elimina
    4. Per me l'amicizia è importante, e dono tutta la fiducia, gli amici del virtuale, parlo di amici, abbiamo avuto la possibilità di conoscerci nel reale, gli altri per me non sono così importanti.

      Elimina
  4. Gus ha bisogno di commenti. Vuole affetto lui. 🙂

    RispondiElimina
  5. Povera Marie, io avrò la telecamera. Tranquilla. Cosi vedranno che se non mi fanno arrabbiare sono una cara e bella persona. Attenzione a casa tua. A me hanno rotto anche il filo della luce. Entrano solo per spiare. All' adimina piace curiosare e spettegolare. Ma se vedi lei...ti innamori 😅 per dirla tutta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, a casa mia siamo ben protetti.In ogni caso abito in una zona dove siamo tutti buonissimi vicini, ci aiutiamo l'un l'altro se dovesse accadere qualcosa di strano, in pratica ci conosciamo tutti da quando eravamo ragazzi.
      Ciao
      Dani

      Elimina
  6. Un consiglio Dani, non essere così certa. L' hanno fatto a persone blindatissime e molto più...furbe di te. Lo so per certo . Soprattutto entrano nei p.c e portano via file di anni di lavoro e chiedono anche tremila euro per riaverli. È capitato a un ingegnere che scrive nel forum. Vedi tu. Otretutto scriveva,anche,mentre lavorava,ma in una ditta privata, non statale. Poi crollano ponti eh..
    lui rischierebbe il licenziamento. Ora è sparito dal forum ...la storiella l' hanno raccontata loro stessi. Una di loro lo ricatta ancora. Lui si era... invaghito della sua... intelligenza...e si è fidato. Una vergogna.
    Noi non abbiamo nulla da nascondere, per fortuna.😐
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio pc è ben protetto, non è mai successo niente, e comunque io non ho file di un'importanza tale da essere motivo di queste cose che tu dici, io non ho niente di nascosto, cosa fanno loro del miei pensieri personali?
      Sta tranquilla!
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·