sabato 6 gennaio 2018

Annuncio Pasquale

Annuncio Pasquale,
nella Solennità dell'Epifania del Signore

Fratelli carissimi, la gloria del Signore si è manifestata e sempre si manifesterà in mezzo a noi fino al suo ritorno.
Nei ritmi e nelle vicende del tempo ricordiamo e viviamo i misteri della salvezza.
Centro di tutto l'anno liturgico è il Triduo del Signore crocifisso, sepolto e risorto, che culminerà nella domenica di Pasqua il 1° aprile 2018.
In ogni domenica, Pasqua della settimana, la santa Chiesa rende presente questo grande evento nel quale Cristo ha vinto il peccato e la morte.

Dalla Pasqua scaturiscono tutti i giorni santi: 


Le Ceneri, inizio della Quaresima, il 14 febbraio 2018.
L'Ascensione del Signore, il 13 maggio 2018.
La Pentecoste, il 20 maggio 2018.

La prima domenica di Avvento, il 2 dicembre 2018.

Anche nelle feste della santa Madre di Dio, degli Apostoli, dei Santi e nella commemorazione dei fedeli defunti, la Chiesa pellegrina sulla terra proclama la Pasqua del suo Signore.
A Cristo che era, che è e che viene, Signore del tempo e della storia, lode perenne nei secoli dei secoli. Amen.




Per comprendere...

L'anno liturgico riformato secondo i dettami del Concilio Vaticano II ha al suo centro la celebrazione dei misteri della vita di Cristo ed in particolare il suo evento pasquale. Dalla storia dell'anno liturgico sappiamo che il nucleo primitivo della celebrazione cristiana è la pasqua settimanale cui seguirà il memoriale della Pasqua annuale. In questo contesto tutto dipende dalla data della Pasqua. Da qui, la versione italiana acquista un valore teologico superiore ai testi precedenti proprio perché asserisce che «dalla Pasqua scaturiscono tutti i giorni santi». Questa espressione è vera perché la celebrazione del Natale non avrebbe pienamente senso se non fosse legata alla Pasqua; così ogni dies liturgicus deriva assolutamente e direttamente dalla Pasqua.

Alla luce di quanto detto si comprende come mai nell'annuncio viene indicata la prima domenica d'Avvento: perché non si celebrerebbe l'adventus del nostro grande Re se egli non si fosse incarnato per la redenzione realizzata sulla croce.
Questo percorso teologico-liturgico sul significato delle varie date presenti nell'annuncio viene confermato quando si legge: «Anche nelle feste... la Chiesa pellegrina sulla terra proclama la Pasqua del suo Signore». Ogni celebrazione liturgica festiva diviene proclamazione dell'opera redentiva di Cristo.
Nella versione italiana attuale per quanto concerne la Quaresima è stato eliminato il riferimento alla sua caratteristica penitenziale, tradizionalmente espressa dal digiuno, non più menzionato rispetto al testo tridentino. È stata introdotta solo la parola «Quaresima» senza legami con il digiuno ed il valore di ascesi e di santità richiamato dall'eucologia quaresimale

Una pedissequa traduzione del testo latino avrebbe portato ad una pesante resa ripetitiva in italiano dell'espressione «Domini nostri Iesu Christi» che se conservata ricorrerebbe quattro volte in un testo di poche righe. Si nota inoltre che il testo italiano non ha mantenuto l'annuncio della festa del Corpus Domini presente nella versione dell'editio typica.

La dossologia è stata resa in una forma migliore rispetto all'originale latino. Non è stata considerata una stereotipata chiosa letteraria, quasi un artificio retorico o una scontata chiusura stilistica del testo liturgico ma è stato improntata una nuova formulazione dal carattere escatologico, testo che rende onore a Cristo «Signore del tempo e della storia».


2 commenti:

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·