sabato 22 luglio 2017

Il grano e la zizzania



Vangelo Matteo 13,24-43

 In quel tempo, Gesù espose alla folla una parabola: "Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo.  Ma mentre tutti dormivano venne il suo nemico, seminò zizzania in mezzo al grano e se ne andò.  Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania.

 Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania?  Ed egli rispose loro: Un nemico ha fatto questo. E i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla?  No, rispose, perché non succeda che, cogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano.  Lasciate che l'una e l'altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio".
 Un'altra parabola espose loro: "Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo.  Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami".
 Un'altra parabola disse loro: "Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e impastato con tre misure di farina perché tutta si fermenti".
 Tutte queste cose Gesù disse alla folla in parabole e non parlava ad essa se non in parabole,  perché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta: "Aprirò la mia bocca in parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del Mondo".
 Poi Gesù lasciò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si accostarono per dirgli: "Spiegaci la parabola della zizzania nel campo".  Ed egli rispose: "Colui che semina il buon seme è il Figlio dell'uomo.  Il campo è il mondo. Il seme buono sono i figli del regno; la zizzania sono i figli del maligno,  e il nemico che l'ha seminata è il diavolo. La mietitura rappresenta la fine del mondo, e i mietitori sono gli angeli.

 Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo.  Il Figlio dell'uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità  e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi intenda!".





Questa parabola si differenzia dalla parabola del seminatore perché il seme per fruttificare, dipendeva da fattori esterni (il tipo di terreno). Ora invece  il seme cresce e fruttifica, ma è mescolato alla zizzania, cioè il loglio, che ha radici più robuste e perciò non potrebbe essere estirpato senza danneggiare anche il grano.
Bisogna attendere la mietitura per la separazione del grano dalla zizzania.
Il punto focale di questa parabola è dato da questa  coesistenza, del grano e della zizzania.
Nella comunità cristiana vi è una mescolanza di buoni e meno buoni, che non lascia spazio ad un facile ottimismo. Infatti  il “nemico” con la sua presenza tenebrosa continua a contrapporsi all’opera redentrice di Cristo.
In questa parabola emerge un insegnamento importante: la Chiesa non va immaginata come una comunità di perfetti, ma è una realtà composta, che vive in mezzo agli uomini buoni e cattivi
Sarà il Signore, alla fine dei tempi, che separerà il bene dal male.Il giudizio è riservato soltanto a Dio, che è sempre longanime e misericordioso. Il credente deve imitare la sua bontà, attendendo con pazienza e fiducia, quando il bene trionferà definitivamente.






1 commento:

  1. "Il credente deve imitare la sua bontà, attendendo con pazienza e fiducia, quando il bene trionferà definitivamente".

    Così deve essere i cristiano.

    Abbraccio Daniela.

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·