sabato 18 giugno 2016

San Francesco d'Assisi

Quante volte il Signore ci parla al cuore, tante, e noi non riusciamo a comprendere bene le sue parole, perché noi comprendiamo secondo le nostre capacità relazionali, e razionali, non andiamo oltre.

A Francesco di Assisi il Signore parlò e disse:
 “Va e ripara la mia casa, che come vedi cade in rovina”.

L’incontro con il crocifisso di San Damiano

Dalla Vita Seconda di San Francesco di fra Tommaso da Celano (2C 10: FF 593-594)

"Era già del tutto mutato nel cuore e prossimo a divenirlo anche nel corpo, quando, un giorno, passò accanto alla chiesa di San Damiano, quasi in rovina e abbandonata da tutti.
Condotto dallo Spirito, entra a pregare, si prostra supplice e devoto davanti al Crocifisso e, toccato in modo straordinario dalla grazia divina, si ritrova totalmente cambiato. Mentre egli è così profondamente commosso, all’improvviso – cosa da sempre inaudita – l’immagine di Cristo crocifisso, dal dipinto gli parla, movendo le labbra.
“Francesco, - gli dice chiamandolo per nome – va’, ripara la mia casa che, come vedi, è tutta in rovina”.
Francesco è tremante e pieno di stupore, e quasi perde i sensi a queste parole. Ma subito si dispone ad obbedire e si concentra tutto su questo invito. Ma, a dir vero, poiché neppure lui riuscì mai ad esprimere l’ineffabile trasformazione che percepì in se stesso, conviene anche a noi coprirla con un velo di silenzio.
Da quel momento si fissò nella sua anima santa la compassione del Crocifisso e, come si può piamente ritenere, le venerande stimmate della Passione, quantunque non ancora nella carne, gli si impressero profondamente nel cuore."



Storia di oggi…il 15 giugno

Il crocifisso di San Damiano ha lasciato la Basilica di Santa Chiara ad Assisi, dove è custodito fin da quando le Clarisse vi si trasferirono dopo la morte di Santa Chiara, per ricollocarsi nel luogo in cui lo vide Francesco d’Assisi: qui pregò all’inizio della sua conversione. E Giotto questo momento lo ha affrescato nella Basilica di Assisi. E fino ad ora conservato nella basilica di Santa Chiara.
Oggi è un momento storico perché la comunità delle suore clarisse -spiega il direttore della Sala Stampa del Sacro convento di Assisi padre Enzo Fortunato, presente alla traslazione -, in sinergia con la provincia dei frati minori, hanno pensato vista la straordinarietà del Giubileo della Misericordia di portare per cinque giorni il crocifisso di San Damiano nel suo luogo naturale e cioè nella chiesa da cui prende il nome. Un momento di grande importanza dal punto di vista storico, ma anche di profonda intensità spirituale: ed ecco che vengono in mente - continua padre Enzo - le parole di papa Francesco all'inizio del Giubileo che desiderava una chiesa che  camminasse, edificasse e confessasse attraverso la fede, attraverso il Signore. E' evidente che il centro sia 'edificare' lo stesso che chiese Gesù a Francesco, e che oggi chiede a ciascuno di noi attraverso il nostro stile di vita".


Il Crocifisso di San Damiano torna a San Damiano
dal 15 al 19 giugno 2016
La comunità dei Frati Minori di San Damiano
e le Clarisse del Protomonastero di S. Chiara,
con il patrocinio
della Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino
e del Comune di Assisi,

hanno voluto riportare il Crocifisso di San Damiano,
dopo quasi otto secoli, nella sua collocazione originaria



========================================

4 commenti:

  1. Cristo parla a tutti, ma lo sente solo chi ha grande fede, come Francesco, appunto.
    Buona domenica Daniela.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si August il piccolo grande Francesco.
      Buona e serena domenica!

      Elimina
  2. Ciao Daniela,nei miei fine settimana culturalgastronomici le puntate in Umbria sono le mie preferite e non manca mai una visita alla bellissima città di Assisi,un luogo incantato ricco di storia e d'arte.
    Felice domenica,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e di fede aggiungo io.
      Si Assisi è veramente bella, ci sono stata almeno sei volte, non mi stancherei mai di visitarla.
      Ciao Fulvio. Grazie e buona domenica!
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·