venerdì 20 maggio 2016

I domenicani a Novara


In questa settimana i Domenicani di Agognate – Novara- dove si trovano da più di trent’anni, desiderano condividere con il popolo novarese il ringraziamento  a Dio per gli 800 anni di presenza nella Chiesa, con l’approvazione del Papa al progetto di San Domenico di portare al popolo la parola di Dio. L’attuale Maestro dell’Ordine, Fra Bruno Cadoré, nella lettera inviata a tutta la Famiglia Domenicana per indire il Giubileo celebrativo che stiamo conducendo in questa chiesa di San Pietro Martire al rosario, già sede per tanti secoli dei domenicani fino alla soppressione napoleonica, alla domanda: Che cosa sarà l’Ordine domani, senza dubbi risponde- sarà predicatore, e poi libero e gioioso…sarà animato dal desiderio di vivere la promessa del regno, come una buona notizia per tutti.
Essere gioiosi, sì, perché  la gente è attratta dal vangelo se trova in noi una gioia inspiegabile, che non avrebbe senso se Dio non esistesse. La gente dovrebbe essere attratta e sconcertata dalla nostra gioia. Dovrebbe essere un vivente punto interrogativo ed un invito.

Nessuno crederà che un predicatore triste è portatore di buone notizie. Come ha scritto Nietzsche, “Il discepolo di Cristo dovrebbe sembrare redento”. 


Chiesa di San Pietro Al Rosario
Posta nell’attuale Piazza Gramsci, conosciuta anche col nome di Piazza del Rosario, la Chiesa di San Pietro al Rosario fu costruita dai Domenicani a partire dal 1599 e consacrata nel 1618. L’edificio, dedicato al domenicano San Pietro Martire,  è in stile barocco.
Fu la sede novarese dell'Ordine Domenicano prima delle soppressioni napoleoniche. 


La facciata si presenta a due ordini architettonici, con frontoni spezzati e nicchie semicircolari nelle quali sono collocate le statue ottocentesche di San Pietro apostolo, San Pietro martire, Papa Pio V e Sant'Amico, forse opera dell'Argenti




Internamente si presenta a navata unica con sei cappelle laterali. Conserva alcune opere di rilievo come la statua della Madonna del latte, risalente al XV secolo ma ricavata da un preesistente monumento di epoca 
romana.



La Vergine del Rosario di Giulio Cesare Procaccini (1625) .


La vergine Maria dona il Santo Rosario a San Domenico  e Gesù a Santa Caterina da Siena.




Nel presbiterio campeggia un ciclo pittorico di particolare rilievo con Storie di San Pietro Martire, dipinto da Giovanni Mauro della Rovere detto il Fiammenghino nel 1637, come ex voto della comunità civica novarese dopo la peste appena passata.

La Madonna del Rosario.





4 commenti:

  1. Stai vivendo una bellissima esperienza.
    Ti ammiro Dani.
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Grazie August, sei molto gentile!
    Questa sera incontro sulla straordinaria persona di Santa Caterina da Siena, e Domani giornata conclusiva presieduta dal nostro vescovo Mons. Brambilla.
    Buona serata!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops. Messa di conclusione presieduta dal nostro Vescovo.
      Dani

      Elimina
    2. Ops. Messa di conclusione presieduta dal nostro Vescovo.
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·