martedì 6 ottobre 2015

Sinodo


Uno dei temi trattati dal Sinodo sarà:

Quali parole per educare nella postmodernità



Sto leggendo il libro: “ Papa Francesco”

È L’AMORE CHE APRE GLI OCCHI


Riporto alcuni stralci che ritengo importanti sull’educazione e che probabilmente  verranno discussi.

La sfida dell’educare

[…] L’ambito religioso rappresenta una forza creativa nella vita e nella storia dell’umanità.Esso è in grado di donare dinamismo ad ogni esistenza che vi si accosti.
È inaccettabile che in alcuni ambiti educativi venga affrontato  qualunque tipo di tematica e problema, e ci sia un unico assente, un grande emarginato: Dio.
Nel nome di un’agognata utopistica neutralità si mette sotto silenzio e si amputa una dimensione che, lungi dall’essere pericolosa, può contribuire in maniera determinante all’educazione dei cuori e alla convivenza sociale…..
…Come si può rinunciare ad avere fiducia nell’istruzione? Non si può concepire l’istituzione educativa senza il maestro, il docente. Ma nemmeno senza porne al centro l’essere umano.
…La cultura post-moderna propone un modello di persona strettamente associato all’immagine dei giovani.
È bello chi non di mostra la propria età, chi si sottopone a trattamenti per far scomparire le tracce del tempo, chi riesce a mantenersi giovanile, informale, casual. Il nostro modello di adulto è l’adolescente.
I ragazzi vengono considerati detentori di nuovi modi di sentire, di pensare e di agire.
Ma allo stesso tempo li scopriamo privi di speranze per il futuro e sprovvisti di strumenti critici per interpretare il mondo in cui vivono. I giovani considerano le nozioni che si studiano a scuola un fardello antiquato, vuoto. Non danno valore ai contenuti che la scuola presenta loro come un bagaglio necessario per vivere nella società.
I docenti più esperti, convinti dell’efficacia dei propri metodi di insegnamento, a volte percepiscono il mondo dei giovani come oscuro e distante.
In sostanza ci troviamo di fronte, da un lato, a un ragazzo che sottovaluta la conoscenza scolastica e, dall’altro, a un docente che ignora gli interrogativi dell’adolescente. È un incontro destinato a fallire .I giovani, inoltre, vengono costantemente spinti alla ricerca del piacere, di un appagamento che soddisfi i loro desideri in modo
istantaneo e indolore; sono immersi nella cultura dell’immagine, che diventa il loro habitat naturale…




2 commenti:

  1. Cara Daniela,la sfida del III°é,sarà migliore di quelli passati,io credo di sì.E'vero oggi i giovani e pure i meno giovani vivono nella cultura dell'apparire e pretendono il tutto e subito,chi possiamo incolpare di questi,leciti,desideri,io credo nessuno,volere non è un male.Un tempo la nostra gioventù doveva combattere la vera guerra e in tempo di pace la giornaliera lotta per la soppravivenza,oggi la vita è migliorata e da di più a più persone nonostante ci sono tantissime sacche di povertà,ma il desiderio di benessere è giusto,sempre che si cerchi di raggiungerlo con ogni mezzo lecito.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
  2. Il Sinodo è un grosso impegno. Dobbiamo pregare per il Papa.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·