martedì 14 aprile 2015

Un libro...una carezza!


“In nome del Padre”:
inaugura il segno della croce.
In nome della madre
s’inaugura la vita.

Maestrale di Marzo

Non è strano in natura inseminarsi al vento,
come i fiori.
Fiore è il nome del sesso delle vergini,
chi lo coglie,sfiora.
Miriàm/Maria fu incinta di un angelo in avvento
A porte spalancate, a mezzogiorno.
Il vento si avviò al suo fianco
Sciogliendo la cintura lasciò seme nel grembo.
Fu salita senza scostare l’orlo del vestito.
Al primo raccolto del grano contava tre mesi
dal maestrale di marzo che le baciò il respiro
facendola matrice di un figlio di dicembre
che è luna di kislev* per lei Miriàm/Maria
ebrea di Galilea.

*Kislev: mese lunare ebraico tra novembre e dicembre





L’adolescenza di Miriàm/Maria smette da un’ora all’altra.
Un annuncio le mette il figlio in grembo. Qui c’è la storia
Di una ragazza, operaia della divinità, narrata da lei stessa.
Qui c’è l’amore smisurato di Iosef per la sposa promessa e
Consegnata a tutt’altro. Miriàm/Maria, ebrea di Galilea,
travolge ogni costume e legge. Esaurirà il suo compito
partorendo da sola in una stalla. Ha taciuto. Qui narra la
gravidanza avventurosa, la fede di un uomo, il viaggio e la
perfetta schiusa del suo grembo.
La storia resta misteriosa e sacra, ma con le corde vocali di
Una madre incudine, fabbrica di scintille.

Erri De Luca


[…] “Cos’altro ha detto, cos’altro”, chiedeva Iosef
Affannato con la testa tra le mani, gli occhi a terra.
“Sforzati di ricordare, Miriàm, è importante, cos’altro
voleva far sapere?”
Gli uomini danno tanta importanza alle parole, per
 Loro sono tutto quello che conta, che ha valore.
Iosef le voleva per poterle serbare, riferire. Immaginò
subito le conseguenze legali. L’annuncio aveva rotto
la nostra promessa. Ero incinta di un angelo in avvento,
prima del matrimonio. Perciò chiedeva altre parole da
riportare all’assemblea, in cerca di una difesa di fronte
al villaggio.


“Cos’altro ha detto Miriàm? Ti prego,sforza la memoria,
è accaduto solo poche ore fa”. Ero sopra pensiero,
Iosef, stupita da un rimescolio del corpo, della polvere
chiara che mi aveva investito senza lasciare traccia a
terra, solo addosso. Ce l’ho ancora, la vedi?”
“Lascia stare la polvere, pulirai dopo, adesso aiutami,
cosa racconterò agli anziani?”


Un piccolo libro, delicato come una carezza, si legge bene, anzi si divora!
E.De Luca ha saputo bene coniugare il mistero divino con la quotidianità
di una giovane donna: Maria.

4 commenti:

  1. E' un impegno severo scrivere su Maria perché i Vangeli ne parlano poco. Per me la Madonna è la perfezione.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, ma questo romanzo è delicato e rispetta ciò che parla di lei nei Vangeli.
      Ciao August.
      La Madonna è la perfezione, la Madre dei credenti!
      Dani

      Elimina
  2. Dani, mi manca il tuo follower.
    Grazie.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di avere provveduto!
      buona notte!
      Ps. Sono sicura che seguirai la nostra squadra del cuore!

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·