martedì 13 gennaio 2015

Il filo d'erba



Luigi Pirandello - Canta l'Epistola -  in Novelle
per un anno.

« egli aveva seguito giorno per giorno
La breve storia d’un filo d’erba […].Lo
aveva seguito, quasi con tenerezza materna,
nel crescer lento tra altri più bassi che gli
stavano attorno »



Dopo aver letto questa novella di Pirandello, che ho trovato molto bella, 
mi è stato regalato da un amico questo libro, breve ma intenso: 



Paolo De Benedetti
Il filo d'erba
Verso una teologia della creatura a partire da una novella di Pirandello
A cura di Gabriella Caramore

 Una teologia della creatura oggi non può non guardare, a occhi spalancati, dentro il cuore pulsante del vivente. L’idea che un
filo d’erba possa vibrare di sensibilità entrando in viva
relazione con il mondo umano emerge dalla novella di Luigi Pirandello, “Canta l’Epistola”.

Un uomo si innamora di un filo d'erba, fino al punto di lasciarsi uccidere in duello per lui. Questa la sintesi del delicatissimo racconto di Luigi Pirandello, nel quale non è difficile, se accostato con l'ottica giusta, rinvenire insospettati spunti teologici: la dignità di tutte le creature dotate di vita,anche la più piccole, il senso della fedeltà in amore, l'ingiustizia del mondo e l'incomprensione verso i deboli,
gli emarginati, il conflitto tra una fede che muove da "sete d'anima"
e una fede fatta di formalismi vuoti.

L'acuta sensibilità biblica di Paolo De Benedetti,  
con Gabriella Caramore, fa di questa novella un saggio
di libertà esegetica.
Solo un biblista sensibile e colto come l’autore, che ha insegnato Giudaismo alla Facoltà teologica dell’italia settentrionale e Antico Testamento presso gi istituti di Scienze religiose degli atenei di Urbino e di Trento – è capace di cogliere la creaturalità di una bellezza deperibile e inerme come quella di un filo d’erba.
De Benedetti non inneggia all’ecologia estendendola alle cose inanimate, ma esalta la Parola biblica
interpretandola dal basso, dall’infimo, dal perdente.

A conclusione:
Se non solo un filo d’erba, ma un sassolino non avesse di nuovo l’esistenza, sarebbe falsa la domanda di Paolo:
«O morte, dov’è la tua vittoria?» (1Cor 15,55 ).
Oggi questa domanda resta più che in passato una domanda:
non solo nel nostro leggere la bibbia, ma anche nelle creazioni letterarie di tanti scrittori e poeti.

La nostra epoca a differenza del passato, è piena di domande, e questo è un dono di Dio, che troviamo non solo negli angoli della scrittura, ma anche nella nuova sensibilità di tanti narratori e poeti. pagine di una teologia della creatura in divenire.

6 commenti:

  1. Ciao Daniela, non conosco questa novella di Pirandello adesso vado a cercare tra i miei libri per vedere se c'è e mi segno il titolo dell'interessante volume che ci hai presentato. Grazie!
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  2. che bello il nuovo look del blog!!! io pero' abbasso sempre il volume musica altrimenti non riesco mai a leggere....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piace!
      Non ho la possibilità di impostarlo più basso il volume^^
      Grazie Fiore.
      Ciao.
      Dani

      Elimina
  3. interessante segnalazione; spesso tra gli autori classici si possono trovare delle vere e proprie "chicche", magari meno conosciute ma ugualmente capolavori.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, a volte vere e proprie sorprese.
      Grazie Mr.Loto.
      Un caro saluto.
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·