sabato 5 luglio 2014

San Domenico di Guzman



Parte del testo della preghiera che il beato Giordano di Sassonia dedicò
al suo successore San Domenico, guida dell’Ordine dei frati Predicatori


§§§


Infiammato dello zelo di Dio e di ardore soprannaturale, per la tua carità senza confini e il fervore dello spirito veemente ti sei consacrato tutt'intero col voto della povertà perpetua all'osservanza apostolica e alla predicazione evangelica; e, per questa grande opera, con alta ispirazione della Provvidenza, hai istituito l'Ordine dei Frati Predicatori.

§§§

Studioso della Scrittura
e sensibile verso i poveri

Domenico è nato a Calaruega nella Castiglia (Spagna), da una famiglia nobile e religiosa. Di intelligenza vivace e dai molti interessi, si distinse subito per due caratteristiche: l’amore e lo studio della Sacra Scrittura e la solidarietà verso i poveri.
Un episodio ne mostra sia la sensibilità sia la decisione, fin da ragazzo. Era scoppiata una carestia gravissima. Domenico, pieno di compassione, mise in pratica il Vangelo, come poteva: vendette i libri che possedeva e che gli erano cari oltre che indispensabili per la formazione e il ricavato lo diede ai poveri. Un sacrificio molto grande. Si sarebbe giustificato dicendo candidamente: “Non posso studiare su pelli morte (cioè le pergamene) mentre delle persone vive muoiono di fame”.
Mostrava così quella determinazione e bontà che lo accompagneranno sempre.
Diventato sacerdote a 25 anni, Domenico era già molto stimato dai suoi colleghi e particolarmente dal suo zelante vescovo Diego. Questi che lo conosceva bene, ne apprezzava le doti di intelligenza, ne ammirava la profondità spirituale. Per questo lo volle compagno di viaggio nel Nord Europa per conto del re di Castiglia. Viaggio non di natura spirituale ma diplomatica (precisamente di politica matrimoniale). Ma la Provvidenza se ne servì per il bene della Chiesa. Attraversando il Sud della Francia, la Provenza, aprirono gli occhi sulla diffusione dell’eresia dei Catari (o Albigesi).


1 commento:

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·