martedì 15 luglio 2014

La Speranza



Beato l’uomo che spera nel Signore!...
Salmo 40.5


Papa Francesco nell’omelia del 15 luglio:

“La speranza non è ottimismo, è un'ardente aspettativa verso la rivelazione”

“La speranza non è un ottimismo, non è quella capacità di guardare le cose con buon animo 
e andare avanti. No, quello è ottimismo, non è speranza. Né la speranza è un atteggiamento
positivo davanti alle cose. Quelle persone luminose, positive... Ma questo è buono, eh! 
Ma non è la speranza. Non è facile capire cosa sia la speranza. Si dice che è la più umile 
delle tre virtù, perché si nasconde nella vita...Qui

§

"Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome 
del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare 
tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino 
alla fine del mondo" (Mt 28, 19-20).


II messaggio che Gesù ci lascia prima che l'ultima volontà del Padre si compia 
nella sua vita terrena, è un messaggio di speranza poiché: 
"Nulla dobbiamo temere, nulla dobbiamo fuggire, perché egli sarà sempre con noi,
 tutti i giorni della nostra vita". E Pietro, l'Apostolo attraverso il quale Gesù ha 
"edificato" la sua discendenza, afferma in più occasioni, questo concetto: 
la vita porterà sempre con sé gioie ma anche sofferenze, pace ma anche tormenti,
 forza ma anche debolezze. L'Apostolo ci incoraggia a non perderci d'animo, 
a non rispondere male al male; proprio nei momenti di maggior tristezza e sconforto. 
“E se anche doveste soffrire per la giustizia, beati voi! Non vi sgomentate per 
paura di loro, ne vi turbate, ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti 
sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi" 
(1 Pt 3, 13-15).

Affidarsi totalmente al Signore porta con sé una speranza infinita.
Difatti è nella fede in Dio che si alimenta l’attesa di un mondo che
non potrà deludere le nostre speranze. La speranza si traduce quindi
 in promessa, una possibilità nuova per la vita stessa, in cui si ripone
totale fiducia in Colui che promette: “Dio”

§

Giustificati  dunque per la fede, noi siamo in pace con Dio per mezzo 
del Signore nostro Gesù Cristo; per suo mezzo abbiamo anche ottenuto, 
mediante la fede,di accedere a questa grazia nella quale ci troviamo  
e ci vantiamo nella speranza della gloria di Dio. E non soltanto  questo: 
noi ci vantiamo anche nelle tribolazioni, ben sapendo che la tribolazione  
produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza.
La speranza  poi non delude, perché l'amore  di Dio è stato riversato nei 
nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.
Dalla lettera ai Romani 5,1 
§
Quando vi sforzate di vivere il Vangelo, accrescete la vostra capacità di abbondare 
«nella speranza, mediante la potenza dello Spirito Santo» 
(Romani 15:13)



Il termine speranza a volte viene frainteso. Nel linguaggio abituale, la parola dà un’idea 
di incertezza. Ad esempio, possiamo dire di sperare in un cambiamento del tempo o 
nella visita di un amico. 
Nel linguaggio evangelico, il termine speranza indica sicurezza, fermezza e attività


Il principio della speranza si estende nell’eternità, ma può
sostenerci nelle prove quotidiane della vita.




6 commenti:

  1. Ottimo post.

    Bisogna che diventiamo poveri, ossia certi di alcune grandi cose.
    Il povero è chi è certo di alcune grandi cose, per cui costruisce una cattedrale, anche se vive in una catapecchia, essendo così cento volte più uomo di chi ha come orizzonte ultimo un appartamento confortevole.
    Perché essere poveri è essere certi?
    Perché la certezza implica l'abbandono e il superamento di sé. " Sono piccolo, sono niente, la cosa vera e grande è un'Altra".
    Secondo l'economia la povertà è la mancanza di un reddito, di una proprietà, di un bene.
    Non c'è un automatismo che ti fa passare dalla povertà economica alla Fede, anzi la povertà può incattivirti, spingerti a rubare, oppure prostituirti.
    La teologia dà un concetto diverso alla povertà, cioè l'abbandono e il superamento di sé e la certezza di un Altro. La povertà è un amore non verso se stesso ma diretto a raggiungere un altro. La povertà è un corollario della Speranza. Se non diventi povero (l'abbandono e il superamento di sé) non puoi sperare. La Speranza di un uomo è che la sua Fede giunga a compimento. Ma per sperare devi avere la certezza su una cosa presente. La Speranza come certezza in una cosa futura poggia su tutto il passato cristiano, poggia su tutta la memoria cristiana, poggia su tutta la certezza di quella Presenza che è incominciata duemila anni fa ed è arrivata fino a te. Se non c'è puoi solo dar spazio all'immaginazione.
    "Domani vinco al lotto è divento ricchissimo". Le esigenze del cuore pretendono di essere esaudite. Siccome l'uomo non ha la forza di realizzarle, di raggiungere cioè il traguardo che esse fanno prevedere, l'uomo dà forma a questa pretesa secondo il volto, secondo la consistenza fragile e ultimamente illusoria che si chiama sogno. Il cuore dell'uomo sogna, dà una forma positiva al suo cammino. Ma il sogno del cuore dell'uomo non può sostenere le ragioni di una certezza, della certezza che le esigenze siano esaudite.



    Ciao Dani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie August, hai reso completo il concetto della Speranza!
      Buon mezzodì
      Dani

      Elimina
  2. Peguy scriveva che amava la piccola speranza. Per lui la Speranza è la più piccola delle tre virtù e la paragonava ad una bimba. E questo mi piace. Grazie Dani. Ciao

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·