domenica 29 giugno 2014

Due colonne della Chiesa



Sono Pietro, il pescatore di Cafarnao dove vivevo con la mia famiglia, e mi sostenevo con il lavoro che non sempre era fruttuoso ma mi ha reso il volto segnato da profonde rughe e le mani ingrossate e screpolate dalla canapa e dall’acqua.
Mi giudico un uomo semplice, a volte rude, di grande passione e di forte istinto; impulsivo al punto che un giorno mi sono buttato nel lago per andare incontro a Gesù. Non amo la diplomazia, anche quando ero con Lui spesso intervenivo grossolanamente e a sproposito. 
Eppure l'ho amato profondamente e ho scrutato tutti i suoi passi.
Non sapevo proprio nulla di profezie e di dottrina predicata dai sacerdoti del mio tempo.
Eppure il maestro, Gesù un giorno, lungo le rive del lago, cioè a casa mia, sceglie proprio me per essere il capo del gruppo dei discepoli e per garantire nella fede i miei fratelli.
Un ruolo decisamente fuori dalle mie corde. Ma chi glielo ha fatto fare?

Forse perché ho sbattuto il naso contro il mio limite e le mie paure, ho rinnegato il maestro mentre lo stavano portando verso la crocefissione dicendo :” Non lo conosco” ma subito poi ho pianto e quanto ho pianto. Mi sentivo adulto nella fede ma ho capito che la fede non la si possiede fini a quando non viene  messa alla prova.



E io sono Paolo. Posso dirvi che ho poco in comune con Pietro.
Mi piaceva studiare, ero un intellettuale e questo mi ha portato ad essere intransigente, molte volte polemico. Mi ritenevo credente perfetto e forse fanatico di un Dio che però non conoscevo al punto di dedicare molto del mio tempo a scoprire e perseguitare i cristiani,
fino a quando quel Dio ignoto mi è apparso nella luce buttandomi giù da cavallo. In quella caduta, in quella botta, dopo un tempo in cui sono rimasto cieco, ho scoperto non solo un maestro ma anche lo scopo della mia vita. Non ho perso la mia passione e il mio carattere focoso ma l’ho usato per predicare il Vangelo in tutto il mediterraneo. Quando ho camminato sfidando pericoli di ogni tipo ma non potevo proprio farne a meno, non avrei mai accettato che quel vangelo così rivoluzionario restasse nei confini del mio piccolo popolo.
Quanta pazienza e a volte quanta rabbia per accettare le tante diversità presenti nelle comunità cristiane che incontravo o fondavo e per aiutarle a risolvere i loro problemi spesso difficili.
Sono stato osteggiato prima dai miei ex compagni, i farisei e poi i nuovi fratelli, i cristiani che non vedevano di buon occhio il mio annuncio del Vangelo ai pagani, lo consideravano addirittura un tradimento al Vangelo stesso.
Vorrei essere ricordato come uomo focoso e passionale che ha amato e ha dato la sua vita a quelle comunità che avevano bisogno di un testimone credibile per comprendere che la salvezza può essere una realtà per tutti.



Gesù:
 Pietro e Paolo, due uomini così diversi, amo le diversità nella mia Chiesa, non possono fare altro che renderla più colorata. Più volte nella loro vita si sono scontrati per causa mia eppure ambedue li ho scelti come colonne della mia Chiesa delle origini ma anche di oggi.
A loro non ho offerto risposte; ho fornito domande.
Li ho condotti con delicatezza a cercare dentro fino a che punto mi conoscevano e mi amavano,sarebbero stati disposti a seguirmi.E loro, tutti e due sono arrivati fino al martirio.
A  Pietro ho fatto una domanda fondamentale: “Chi sono io per te”.
La  sua risposta all’apparenza è stata immediata ma in realtà era il frutto di un continuo stare con me.
Mi ha risposto così: “ Tu sei il figlio del Dio vivente” Cioè tu porti Dio qui fra noi, tu fai vedere e toccare il vivente che fa vivere.
Sei il suo volto, il suo braccio, il suo cuore. Aveva capito tutto.
Ho allora affidato due mandati per dare a lui ma anche a tutti voi il senso della vostra vita cristiana. “ Sulla tua pietra viva edificherò la mia casa”. Sono un Dio che cerca casa.
Ciò che legherai sulla terra, i legami che intreccerai, le persone che unirai alla tua vita, le ritroverai per sempre.
Ciò che scioglierai sulla terra: tutti i nodi, i grovigli, i blocchi che scioglierai, coloro ai quali tu darai libertà e respiro, avranno da Dio libertà per sempre e respiro nei cieli.
Solo allora ho capito che la mia missione sulla terra poteva considerarsi conclusa.




10 commenti:

  1. Grazie Daniela per questo post con immagini bellissime. Era l'onomastico del mio Pietro e anche il mio e quest'anno quasi me ne dimenticavo. Un caro saluto.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti auguri Paola, il tuo Pietro festeggerà fra gli angeli.
      Un abbraccio grande♥
      Dani

      Elimina
  2. Due personaggi così diversi e così importanti per la cristianità! Ognuno di noi, con le infinite diversità, ha un ruolo imprescindibile nella realizzazione del progetto divino. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo dimostra che le diversità arricchiscono in ogni ambito...ce l'ha insegnato il Signore!
      Contraccambio l'abbraccio, ciao Andrea!
      Dani

      Elimina
  3. Davvero un gran bel post cara Daniela ;)
    buona serata un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani primo luglio, buon mese!
      Un bacione!
      Dani

      Elimina
  4. Un Vangelo molto impegnativo sulla nascita della Chiesa.
    Ciao Dani

    RispondiElimina
  5. Forse non funziona il commento.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Funzianano, tutto ok,August,
      Buon pomeriggio di 1° luglio!
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·