martedì 6 maggio 2014


La mia Novara, con la Cupola che si specchia nella risaia.


Scatti fatti da Lucio il 05/05/2014


Alla domanda su quale possa essere il simbolo di Novara immediatamente riconoscibile e comunemente dato per scontato da tutti non si potrebbe rispondere in altra maniera che indicando la Cupola di San Gaudenzio
Se chiediamo il prodotto tipico per eccellenza indicheranno 
il gorgonzola e il riso.
Dunque il riso.
In questo periodo vengono allagate distese  di coltivazione di riso, il mare a quadretti". Sono le risaie, che ad aprile vengono allagate per favorire la crescita delle piantine, quando saranno emerse, coloreranno di verde brillante la pianura che sarà poi, al finire dell'estate, gialla dorata per le spighe mature. Chi, oggi, si trova a viaggiare, in treno o in automobile, tra Torino e Milano, vede ancora intorno a sé una pianura piatta e verde come un tavolo da biliardo, divisa in tanti riquadri che ancora pochi decenni or sono erano più piccoli e avevano forme irregolari, mentre ora si estendono a perdita d’occhio e sono quasi sempre dei perfetti rettangoli
 Questo paesaggio è opera dell'uomo, frutto di un lavoro lungo 500 anni, più o meno cinque secoli fa risale infatti l'introduzione del riso nel Novarese.
Parlando di risaie non si può non parlare di una figura molto nota negli anni ‘40,’50, la figura della mondariso, più semplicemente detta la mondina. A Novara appena fuori dalla stazione ferroviaria c’è una statua realizzata da Edmondo Poletti: “La mondina” a darci il benvenuto a Novara.



La storia delle risicoltura in queste terre è anche quella di un duro lavoro e di epiche lotte di braccianti e di mondine che hanno trovato eco in opere cinematografiche come "Riso amaro" con Silvana Mangano, girato nel Vercellese. Nel Novarese, ogni stagione, arrivavano migliaia di donne, dall'Emilia, dal Veneto e dal Bresciano.
A partire dagli anni '50 finisce un'epoca: le macchine e i prodotti chimici sostituiscono i lavori manuali.





Anche oggi che l'incalzante evoluzione tecnologica ha ridotto il numero di persone dedite alla coltura del riso, quest'ultimo continua a caratterizzare il paesaggio della zona per chilometri




Citazione di una poesia di un novarese doc:

"Quando la risaia è seminata e tutta la grande piana è calma, silenziosa, un mare d'acqua 
che non si muove, il quadro è perfetto…"
Dante Graziosi

§§§

"I nuarés" di Lisandar (Sandro Bermani) Sandro Bermani è stato sindaco di Novara negli anni ’50, ’60, molto amato dai novaresi
"Afuria da catàravie cicòria, da ransà érba e da fa andà silòria, da mundà ris e scargà rutt o gèra, al so destin l'è stai da guardà in teram da lavurà, sgubà giò al pian di babi…San però ch'al ghè un ciel 'd sura di gabi! E pardigal a tuti, mè int'un vul la Cupola sa slunga incuntra al sul!"
Traduzione dal dialetto
"A forza di raccogliere rape e cicoria, di tagliare erba e arare, di mondar riso e scaricare letame o ghiaia, il loro destino è stare a guardare per terra, lavorare, faticare giù al piano dei ranocchi…Sanno però che c'è un cielo sopra i salici! E per dirglielo a tutti, come in un volo, la Cupola si protende incontro al sole!" 
§§§

9 commenti:

  1. Quanta storia in un chicco di riso!! :)

    Che poi, riso col gorgonzola (e magari peperoni passati...) è ottimo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Mikiz, il riso si sposa con tantissimi ingredienti!
      Buona giornata e un caro saluto!
      Dani

      Elimina
  2. Ciao Daniela, bellissima fotografia di Novara che si rispecchia nelle risaie. Da piccola non le amavo, mi davano un senso che ora definirei di angoscia e di noia, oggi quando ci passo in mezzo mi perdo ad ammirarle, soprattutto quando piene d'acqua fanno da specchio alle Alpi.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu ami molto i boschi, il verde, i prati,forse è per questo!
      Ciao bella, buon pomeriggio!
      Dani

      Elimina
  3. "A partire dagli anni '50 finisce un'epoca: le macchine e i prodotti chimici sostituiscono i lavori manuali".

    Questo è triste.
    Ciao Dani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tecnologia non si può fermare, però ti assicuro che le mondine faticavano moltissimo e lavoravano in condizioni pessime, nell'acqua, con le zanzare, il sole,rane bisce,e la schiena curva.
      Ciao August.
      Dani

      Elimina
  4. grazie Dani. Ci pensavo anch'io. Quando c'è feeling! Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il feeling non è acqua...ma cuore.♥
      Bacione
      Dani

      Elimina
  5. Ho passato quattro anni in collegio a Vercelli e ho conosciuto il mondo del riso attraverso le mie compagne che a Ottobre ogni giorno spiavano le nuvole temendo danni perchè "al ris l'è ans l'èra" (il riso è sull'aia) e un nubifragio avrebbe fatto disastri. Ciao.
    Paola

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·