lunedì 17 giugno 2013

La tenerezza




Oggi ho trascorso la  mattinata all’Hospice, centro per cure palliative, dove presto opera di volontariato.
Nel nostro piccolo ufficio dove ci trasmettiamo per iscritto messaggi relativi ai pazienti, a novità belle e meno belle, ho trovato un libricino intitolato:”Il balsamo della tenerezza di Dio” (Arcidiocesi di Milano)
L’ho trovato molto interessante, per guidare coloro che hanno a che fare con la sofferenza e il dolore.




Introduzione

Ci sono argomenti di cui si parla con fatica: la malattia e la sofferenza sono tra questi. Eppure c'è un lato oscuro della vita che nessuno vorrebbe affrontare e di cui non si vorrebbe parlare che richiede il coraggio di una riflessione attenta e rispettosa. Ascoltare il dolore dell'altro apre spesso all'incontro con ferite e paure che ciascuno porta dentro di sé e da cui ci si protegge. "Il balsamo della tenerezza di Dio" nasce dall'esperienza concreta di don Tullio Proserpio e don Giovanni Sala, sacerdoti ambrosiani che da vari anni svolgono il delicato compito di Assistenti Spirituali presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Un volume su dolore e sofferenza che trae il proprio titolo dal capitolo conclusivo, dalla possibilità che offre Dio di lenire le ferite del proprio percorso di fatica. E alla fine di tutto il balsamo di Dio, l'unico unguento capace di medicare ferite spesso apparentemente insanabili.


♥♥♥

 

Noi volontari abbiamo il dovere di rispettare la spiritualità dei pazienti qualsiasi essa sia.
L’Art.1 del codice deontologico del volontario dice:
Il volontario opera per il benessere e la dignità della persona e per il bene comune, sempre nel rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo.
Non cerca di imporre i propri valori morali.



Credo, che quando si ha che fare con pazienti in fine vita, nasca spontanea l’esigenza intrinseca in ognuno di noi, ma nel silenzio della preghiera, affidare a  Dio e alla sua tenerezza coloro che soffrono, e i loro cari.

 
Mi piacerebbe che voi leggeste i messaggi che ci lasciano per iscritto i pazienti prima della dipartita.

Ne ho scelti due tra i più recenti, omettendo i nomi.

 


A volte per cercare gli angeli si alzano gli occhi al cielo,
altre volte basta guardarci intorno per accorgersi che
sono qui tra noi, senza ali ma con un cuore grande,
che siano loro volontari, o personale ospedaliero dell’Hospice
non fa alcuna differenza poiché ciò che li accomuna è
l’amore, la professionalità che accompagnano i nostri
cari in un mondo di pace.
Un abbraccio grande da nonna ……..e familiari.


Siete una squadra fortissima
fatta di gente fantastica
Siete grandi e unici,
perché sapete dare
tanta serenità a chi soffre.
Vi ringrazio tutti,
in questi mesi siete stati per me una grande famiglia.
Mi avete voluto bene, amata, coccolata e viziata.
Io so già che mi mancherete.
Vi voglio bene e non vi dimenticherò mai!
Grazie, grazie, grazie.
Con affetto …..



Ps, Ho scritto in grassetto ciò che  ironicamente dice pur sapendo
che non potremo più mancare a loro…

  ♥



Concludo con un pensiero….

La gratuità dell’ascolto


Con strumenti molto semplici si possono fare grandi cose.
Il primo è la disponibilità all’ascolto,Vorremmo farlo senza pregiudizi, superando barriere
culturali e religiose, preoccupati soprattutto di accoglierti per quello che sei, con la tua
umanità, con quello che ci vorrai dire e anche con ciò che vorrai tacere.
Ci rendiamo disponibili per ascoltarti senza altro scopo che quello di offrire uno spazio aperto di relazione. Siamo anche pronti a contattare i ministri del culto di altre confessioni cristiane o della tua religione, Ci rendiamo conto che l’ascolto quando è autentico, non può che essere reciproco.
 



4 commenti:

  1. Ci SONO ANGELI che vengono tra noi ANCHE sotto-forma di CHI c'insegna a MORIRE.
    La DIGNITA' dello SPIRITO va molto oltre quella del CORPO ... rendendolo PROfumaTO.

    RispondiElimina
  2. Quando diciamo sì all'amore si aprono le porte del cielo.
    Grazie Daniela per questi sprazzi di luce.

    RispondiElimina
  3. Interessantisssssimo, dovrei trovarne una copia,,,,

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·