venerdì 26 aprile 2013

Favola


La volpe e le oche



Una fiaba dei fratelli Grimm





Un giorno una volpe capitò in un prato dove si trovava un branco di oche belle grasse, e
 ridendo disse: "Arrivo proprio a proposito: ve ne state qui tutte insieme, così posso 
divorarvi una dopo l'altra." Le oche si misero a starnazzare, saltarono su e incominciarono 
a lamentarsi e a chiedere grazia. Ma la volpe disse: "Nessuna pietà, dovete morire.
" Finalmente una delle oche si fece coraggio e disse: "Se dobbiamo proprio perdere
 la nostra giovane vita, concedici almeno una grazia: permettici di dire una preghiera,
 perché‚ non moriamo nel peccato; poi ci metteremo in fila perché‚ tu possa sceglierti 
via via la più grassa." – "Sì," rispose la volpe, "è ben poca cosa ed è un desiderio pio:
 pregate, io aspetterò." Allora la prima incominciò una preghiera ben lunga: "Qua, qua!" 
E siccome non la voleva smettere, la seconda non aspettò il suo turno, e anche
 lei incominciò: "Qua, qua!"

(Quando tutte avranno finito di pregare, continueremo la storia, ma, 
per adesso, pregano ancora.)

* * * FINE * * *


18 commenti:

  1. Che simpatica fiaba, non la conoscevo.
    Mentre le ochette finiscono di pregare noi ci prepariamo a un nuovo fine settimana che ti auguro sereno.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, ma credo che le ochette ne avranno per un bel po'!
      ^__^*
      Contraccambio l'abbraccio
      Dani

      Elimina
  2. Qua qua! Non la conoscevo mica qua qua!

    RispondiElimina
  3. quessto racconto mi ha fatto ricordare come mio padre, con tre figli da far addormentare aveva escogitato uno stratagemma simile. Raccontava di un pastore che aveva tante pecore che doveva portare al pascolo. Arriva ad ponticello su cui poteva passare una pecora alla volta. Il pastorello cominciò a contare e aspettare.
    Deve ancora finire!
    Ciao Dani. Spero tu stia bene. Ti penso. Un grande abbraccio a tutta la tribù, pelosi compresi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo papà la sapeva lunga eh?
      Io sto bene grazie, Lucio mi ha detto che hai chiamato, ma io ero all'hospice, questo me lo ha riferito ieri sera!! Sai che i miei sono smemorati,neppure si ricordano di fare un pro-memoria!
      Anch'io ti penso, un abbraccio!♥

      Elimina
  4. Dovremmo leggere più spesso le favole perché contengono consigli importanti.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le FAVOLE come le PARABOLE servono per far RIFLETTERE ... ma non segnali di spazzatura televisiva.

      Elimina

    2. Caro Gus, come commenta "sotto" Angelo,le favole servono per far riflettere!
      Ciao Gus!Grazie!

      Elimina
    3. Che differenza c'è tra dare consigli e far riflettere?

      Elimina
  5. C'era una volta un re, seduto sul sofà, e disse alla sua serva "raccontami una storia", la serva incominciò: c'era una volta un re, seduto sul sofà e..non finisce mai. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! che bella, la ricordo benissimo!
      Ciao Paola sereno fine settimana!

      Elimina
  6. A me ha fatto ricordare la SUPPLICA di un MARTIRE CRISTIANO che nell'arena di Nerone supplicò il LEONE di non MANGIARLO, ma POI si conVINSE, quando lo sentì ringraziare il SIGNORE per quel PASTO lungamente ATTESO.

    Io modificherei il FINALE della storiella in un pregare per far in modo che la volpe diventi oca per poter SOLCARE il CIELO.

    Mia NONNA mi ricordava che quando si mangia la carne si deve mangiare TUTTO, anche il GRASSO, e mentre mangiamo ricordare il sacrificio di chi si lascia mangiare per il BENE NOSTRO. SPIRITUALE e non di PANCIA o di GOLA.

    Io so il motivo perché quella pecorella fuggì dalle 99 e pianse amaramente quando fu l'unica a vedere il SUO PASTORE appeso ad una CROCE per averla SALVATA dai LUPI che mangiano senza prometterti il PARADISO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se modifichi il finale non è più la stessa favola!
      Mi piace l'ultima frase del tuo commento, per intenderci(riguardo la pecorella)
      Ciao Angelo buona domenica nel Signore!

      Elimina
    2. E anche la parabola del Vangelo non è la stessa modificando o interpretando il FINALE?
      OGNI GIORNO E' DOMENICA (giorno del SIGNORE) per me.
      Ciao da gioia ... o dà gioia?

      Elimina
  7. Amo le favole,quelle di Esopo le ho lette e rilette mille volte.
    Buon fine settimana,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi raccontarle alla tua nipotina ora è abbastanza grandicella per ascoltarle1
      Ciao Fulvio, altrettanto a te!
      Dani

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·