martedì 8 gennaio 2013

La valigia




La valigia è sempre stata per me un oggetto portatore di gioia e novità

Già da piccola quando mamma  prendeva da sopra l’armadio la valigia io ero in fibrillazione,
perché significava andare in vacanza, quindi viaggio in treno, divertimento, mare o montagna dipendeva da cosa  il medico consigliava per noi  bambine se l’aria marina oppure montana.

La mamma  cominciava a mettere indumenti , e io cominciavo a mettere da parte le cose di cui non volevo separarmi, la bambola, il quaderno e le matite colorate, la fotografia del mio micio, e i nastri per le trecce.


Questa mio attaccamento alla valigia devo averlo trasmesso inconsapevolmente ai miei figli, perché nel periodo delle vacanze scolastiche mi facevano questa domanda: “Mamma quando prepariamo le valigie?” E magari mancavano ancora sette giorni  alla partenza.

Perché scrivo ciò?
Perché stanotte ho sognato di preparare una valigia,
Sì, solo che anziché mettere indumenti, ci mettevo, libri, un portaoggetti con la corona del rosario, tante scatolette, che non so cosa ci fosse dentro ma so che erano molto importanti per me, e le riponevo con cura, tante buste, come fossero lettere, praticamente l’ho riempita di queste cose  strane… da mettere in una valigia.

Stamane svegliandomi mi sono accorta di avere il sorriso sulle labbra, quindi ciò che avevo sognato mi aveva reso felice.

Ora ripensandoci credo che in quella valigia  in verità avevo messo  ciò che mi era particolarmente caro, i miei sogni ad occhi aperti, i miei desideri, i miei affetti, le cose di cui  credo non potrei privarmi mai.

Chissà cosa c’era in quelle scatolette?


19 commenti:

  1. Sicuramente tanti " scintillanti"!. La valigia, così come l'hai sagnata, mi piace, ma le altre proprio non le posso vedere. Mi angosciano, perchè non so scegliere e sembra che tutto mi serva. La porta del paradiso è stretta. quanta strada ancora perchè la valigia porti solo l'essenziale! Ciao Dani. Buona notte e sogni incantati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anto, so che in questo momento tu stai sottoponendoti a qualcosa di importante, ti auguro che vada tutto benissimo.Ieri sera ti ho pensata.
      Un abbraccio. ♥

      Elimina
  2. Invece per me le valigie sono un incubo: mi piace molto partire, ma sono sempre preoccupata di non portare le cose giuste e di non fare le valigie in tempo, specialmente quando c'è di mezzo l'aereo. Le tua valigia dei sogni è però un'altra cosa.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché ma riscontro che a molte persone non mi piace preparare la valigia, io l'ho sempre trovato piacevole!

      Elimina
  3. Cara Dani,complimenti,con poche parole hai saputo dar vita ad un meraviglioso e misterioso sogno.
    Oggi amo partire, un tempo invece la valigia non l'amavo,rappresentava il lasciare la mia casa,la mia città e mia figlia di pochi anni, che mi diceva,mentre preparavo la valigia:Papà,perche non metti in valigia anche me,così potremo stare sempre insieme.
    Un abbraccio,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi ognuno richiama determinate emozioni ricollegandole a situazioni vissute.
      Che bello che ricordi ciò che ti diceva la tua bambina.
      Un abbraccio Fulvio, grazie!
      Dani

      Elimina
  4. Forse anche piena di ricordi felici quella valigia!
    Anche a me piace preparare la valigia, quando partiamo la valigia inizia a girare per casa con una decina di giorni di anticipo. Ovviamente ci infilo dentro il mondo...figurati che quando sono partita per la Russia la signorina del check in ha chiamato i colleghi perchè venissero a vedere con che bagaglio pretendevo di partire! Ma certo, come dice Paola, i bagagli di sogni e di ricordi sono un 'altra cosa.
    Ciao, buona giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
  5. Un bel sogno. Ricco direi di ciò che hai raccolto nel tempo.

    Mi raccomando però, non lasciare la valigia per terra. Una signora l'aveva preparata, la lasciò per terra, poi non se ne è più ricordata e ci è inciampata sopra ed è caduta. Pensava solo di aver preso una botta, ma il giorno dopo è andata in coma. Ora è in stato vegetativo.
    Questa invece è un'altra storia, una storia di battiti di ciglia: http://tinyurl.com/cb4p99t

    RispondiElimina
  6. Forse sì Antonella! Anch'io quando preparo la valigia, quasi mi devo sedere sopra per riuscire a chiuderla^_^
    Buona giornata anche a te!♥

    RispondiElimina
  7. La famosa valigia di cartone...Per noi meridionali ha segnato un periodo di vita non molto bello, si lasciava il proprio paese per il Nord su treni con i sedili di legno, con tanta paura ma con tanta speranza di realizzare i propri sogni. Semplici sogni, quello di avere anche noi una vita dignitosa, fatta di lavoro, di una casa, di una famiglia...
    Ero piccola, ma proprio piccola eppure ricordo tutto come fosse ieri...
    Baciobacio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo fatto un viaggio con un a valigia di cartone.
      Era negli anni 80. Ero stato in Abruzzo a trovare i nonni. Nel ritornare mio nonno mi riempì una valigia che aveva in giro con le noci, le caciotte di pecorino di Farindola, le salsicce. Siccome era una valigia vecchia, me la legò con le corde, come si faceva un tempo. Era autunno.

      Elimina
    2. Allora sei abruzzese? Io molisana siamo vicini vicini allora...anche noi le legavamo con le corde, bei ricordi, gente semplice, cibi genuini...mi sta venendo la malinconia della nostalgia
      Abbraccio

      Elimina
    3. Sì, grandi sogni,che ci hanno permesso di crescere con responsabilità, dignità e senso dell'onore nel senso più ampio del termine, e con valori grandi!
      ciao bella!♥

      Elimina
    4. Cara - una bella notizia! Lucia è tornata a scrivere, adesso sì che sono felice e pronta a ricominciare davvero!
      Grazie amiche mie, vi voglio davvero bene!

      Elimina
    5. Finalmente sì!
      Anch'io Annamaria!♥

      Elimina
  8. In questi giorni ho aperto una vecchia valigia con tutte le foto e lettere di mia mamma..è stato un viaggio nel tempo e nella storia. Le valige sono un po' magiche quasi sempre. Bacioni cara *_*

    RispondiElimina
  9. Quanti ricordi nelle mie valigie i miei viaggi...ti comprendo sai..mi portavo tuto ciò che in Germania non riuscivo ad ottenere i cibi i vestiti i libbri...e lacrime..baciotto Daniela bella! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata, Mariella, mi sei mancata, ma ti seguo su fb.
      Immagino le tue emozioni.
      Ti abbraccio♥♥

      Elimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·