venerdì 25 maggio 2012

Sogni di gloria



Nel bosco c’erano tre alberi che crescevano insieme come fratelli,
coltivando ciascuno sogni di gloria.
Il primo albero era innamorato della bellezza
e sperava che il suo legno potesse servire, un giorno,
a costruire il forziere più bello per contenere pietre preziose.
Il secondo, invece, che amava l’avventura,
immaginava di diventare un veliero di gran corso.
Il terzo albero amava tanto Dio e per questo motivo
avrebbe voluto restare sempre lì, diventare l’albero più alto del bosco,
come un dito puntato verso il cielo,
cosicché tutti, guardandolo, avrebbero pensato a Dio.

Un giorno arrivò il boscaiolo e, con loro grande gioia,
abbatté i primi due alberi:
i desideri di gloria, pensavano,
che da tempo accarezzavano, si stavano avverando.

Ma, di lì a qualche giorno, con suo grande sgomento,
anche il terzo albero fu abbattuto.
Cosa ancor più triste … nessuno dei sogni dei tre alberi
pareva doversi realizzare:

- Il 1° divenne, infatti una brutta mangiatoia per animali,
anziché un prezioso forziere …
- Il 2° dovette accontentarsi di essere usato
per costruire un piccolo e povero peschereccio …
- Il legno del 3° albero, poi,
venne abbandonato nella bottega di un falegname.

Un giorno, però, la rude mangiatoia
sentì piangere un bambino fra le sue assi di legno:
gli Angeli che cantavano, la gente che era accorsa a vedere quel neonato,
 fece capire alla mangiatoia che una grande ricchezza era lì presente,
e pensò dentro di sé:

- Ecco, il mio desiderio di contenere tesori non si è realizzato,
ma ora porto il più grande tesoro del mondo: il Dio fatto Uomo!...

Una trentina d’anni dopo quest’evento,
il piccolo peschereccio si trovò una notte sul lago,
quando la tempesta si scatenò così forte che sembrava travolgere tutto.
Fu allora che uno degli uomini presenti si alzò e, minacciando il vento,
gl’intimò: - Taci!... Calmati!... , e vi fu subito una gran bonaccia.
Allora, disse il peschereccio tra sé, con fierezza:

- Non sono diventato un grande veliero,
ma sto trasportando il Creatore del Mondo!...

Nulla sembrava accadere , invece, per le assi del terzo albero,
abbandonate nella bottega di un falegname,
ma un giorno qualcuno venne a prenderle …
Capì, però, con grande sgomento, che non dovevano servire a cose buone,
 perché qualcuno aveva pensato di utilizzarle per costruire una croce …

- E’ il tipo di croce che serve ad uccidere i criminali – pensò sconvolto il terzo albero …
- Dov'è finito il mio sogno di diventare uno strumento che indica Dio all’umanità?...

Ma fu proprio su quella rozza croce, nella quale, suo malgrado, era stato trasformato,
che l’albero scoprì, con stupore e gioia indicibile,
d’essere diventato ormai per sempre
il SEGNO che avrebbe indicato l’amore infinito di Dio per l’umanità:

IL SUO DESIDERIO SI ERA REALIZZATO OLTRE OGNI ASPETTATIVA!…

7 commenti:

  1. Succede così perché Dio ci porta dove vuole Lui. Sta a noi comprendere la Sua volontà ed essere felici.
    Ciao Gioia.

    RispondiElimina
  2. Cara Daniela,non ho notizie certe,ma credere,forse, a volte aiuta ma puo essere anche una cocente delusione
    Felice sera,fulvio

    RispondiElimina
  3. Cara Daniela,ognuno decide per se,ma se ti esponi nel mondo pubblico del blog la censura preventiva è è molto triste.Qualcuno della tua parte ammoniva,non giudicare e non sarai giudicato.
    Cristo ha accettato gli insulti e gli sputi,noi dovremmo accettare almeno gli avversi pareri.
    Un caro saluto ,fulvio

    RispondiElimina
  4. Una storia suggestiva nella sua narrazione evocativa. Mi vengono in mente pagine edificanti dei vecchi libri di lettura, dove elementi della natura davano vita a leggende che richiamavano aspetti delle Scritture. Un modo di avvicinare il Messaggio evangelico alla vita quotidiana,in una visione che coglie la sintonia tra tutti gli esseri del Creato.

    RispondiElimina
  5. @Gus,
    Il suo progetto per noi.
    Grazie,August!
    @Coloratissimo,
    ma non hai notizie certe!

    Io non giudico,accetto gli avversi pareri, la dimostrazione che io e te dialoghiamo pur avendo pareri diversi.
    Ma da li, ad avere commenti spazzatura ce ce passa!!!

    @fata confetto,
    Grazie del tuo commento,sono contenta di conoscerti!

    RispondiElimina
  6. "L'è peccà lamentass"
    Buona domenica di Pentecoste!

    RispondiElimina
  7. Un bel racconto.
    Vedo se riesco a raccontarlo....

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·