lunedì 6 settembre 2010





2 commenti:

  1. Avvenire. 6-9-2010LA MOBILITAZIONE DEL VATICANONon è rimasto inascoltato in Vaticano l'appello lanciato dal figlio di Sakineh Mohammadi Ashtiani, 43 anni, la donna iraniana condannata a morte per lapidazione per adulterio e presunta complicità nell'omicidio del marito, per salvare la madre. Lo ha assicurato domenica il direttore della sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, affermando che la vicenda viene seguita «con attenzione e partecipazione». Il Vaticano sa bene per esperienza che in questi casi, più che appelli e gesti eclatanti, contano i fili sottili della diplomazia, e in questo senso potrebbe avviare un'azione, o addirittura averla già avviata. Tuttavia, si sottolinea tra le mura leonine, miglior garanzia di successo di questo tipo di iniziative è proprio la massima riservatezza. Dunque, bocche cucite ed eventuali manovre top secret, mentre per Sakineh potrebbe ormai essere, a detta del figlio Sajjad Ghaderzadeh, questione di ore. Proprio lui si è rivolto ieri mattina, in un un' estrema richiesta di aiuto, al pontefice.A soddisfare le domande di giornalisti e opinione pubblica è giunta nel primissimo pomeriggio, una dichiarazione di padre Lombardi: «La Santa Sede - ha detto - segue la vicenda di Sakineh con attenzione e partecipazione. La posizione della Chiesa, contraria alla pena di morte, è nota - ha aggiunto - e la lapidazione è una sua forma particolarmente brutale».«Quando la Santa Sede è richiesta in modo appropriato perché intervenga su questioni umanitarie presso autorità di altri Paesi, come è avvenuto molte volte in passato - ha affermato - essa usa farlo non in forma pubblica, ma attraverso i propri canali diplomatici».

    RispondiElimina
  2. Avvenire. 6-9-2010LA MOBILITAZIONE DEL VATICANONon è rimasto inascoltato in Vaticano l'appello lanciato dal figlio di Sakineh Mohammadi Ashtiani, 43 anni, la donna iraniana condannata a morte per lapidazione per adulterio e presunta complicità nell'omicidio del marito, per salvare la madre. Lo ha assicurato domenica il direttore della sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, affermando che la vicenda viene seguita «con attenzione e partecipazione». Il Vaticano sa bene per esperienza che in questi casi, più che appelli e gesti eclatanti, contano i fili sottili della diplomazia, e in questo senso potrebbe avviare un'azione, o addirittura averla già avviata. Tuttavia, si sottolinea tra le mura leonine, miglior garanzia di successo di questo tipo di iniziative è proprio la massima riservatezza. Dunque, bocche cucite ed eventuali manovre top secret, mentre per Sakineh potrebbe ormai essere, a detta del figlio Sajjad Ghaderzadeh, questione di ore. Proprio lui si è rivolto ieri mattina, in un un' estrema richiesta di aiuto, al pontefice.A soddisfare le domande di giornalisti e opinione pubblica è giunta nel primissimo pomeriggio, una dichiarazione di padre Lombardi: «La Santa Sede - ha detto - segue la vicenda di Sakineh con attenzione e partecipazione. La posizione della Chiesa, contraria alla pena di morte, è nota - ha aggiunto - e la lapidazione è una sua forma particolarmente brutale».«Quando la Santa Sede è richiesta in modo appropriato perché intervenga su questioni umanitarie presso autorità di altri Paesi, come è avvenuto molte volte in passato - ha affermato - essa usa farlo non in forma pubblica, ma attraverso i propri canali diplomatici».

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·