venerdì 16 ottobre 2009





Come posso ritrovare la mia pace
se il ristoro del sonno mi è negato?
Se l’affanno del giorno non riposa nella notte
ma giorno da notte è oppresso e notte da giorno?
Ed entrambi, anche se l’un l’altro ostili,
d’accordo si dan mano solo per torturarmi
l’uno con la fatica, l’altra con l’angoscia
di essere da te lontano, sempre più lontano.
Per cattivarmi il giorno gli dico che sei luce
e lo abbellisci se nubi oscurano il suo cielo
così pur blandisco la cupa notte dicendo che tu
inargenti la sera se non brillano stelle.
Ma il giorno ogni giorno prolunga le mie pene
e la notte ogni notte fa il mio dolor più greve.
- Sonetto 28 - William Shakespeare


11 commenti:

  1. Seamus Heaney

    Eravamo là a correre per il tunnel a volta,
    Tu davanti col cappotto nuovo da viaggio
    affrettandoti
    Io dietro come un dio veloce cercando
    di raggiungerti
    Prima che ti trasformassi in un giunco

    O in uno strano fiore bianco screziato
    di cremisi
    Mentre il cappotto sventolava selvaggio
    e i bottoni
    Uno dopo l’altro saltavan via lasciando
    una traccia
    Fra la Metropolitana e l’Albert Hall.

    Luna di miele, a lume di luna, tardi
    per il concerto,
    I nostri echi muoiono in quel corridoio
    e adesso
    Io scopro come fece Hänsel le pietruzze
    di luna
    Ripercorrendo il sentiero
    , raccogliendo
    i bottoni

    Per finire in una stazione illuminata e
    ventosa
    Coi treni ormai partiti, il binario bagnato
    Nudo e teso come me, attento solo
    a captare
    I tuoi passi, e dannato se guardo indietro.




     

    ricordiamo con
    il lutto
    la morte della democrazia
    italiana

    RispondiElimina
  2. Seamus Heaney

    Eravamo là a correre per il tunnel a volta,
    Tu davanti col cappotto nuovo da viaggio
    affrettandoti
    Io dietro come un dio veloce cercando
    di raggiungerti
    Prima che ti trasformassi in un giunco

    O in uno strano fiore bianco screziato
    di cremisi
    Mentre il cappotto sventolava selvaggio
    e i bottoni
    Uno dopo l’altro saltavan via lasciando
    una traccia
    Fra la Metropolitana e l’Albert Hall.

    Luna di miele, a lume di luna, tardi
    per il concerto,
    I nostri echi muoiono in quel corridoio
    e adesso
    Io scopro come fece Hänsel le pietruzze
    di luna
    Ripercorrendo il sentiero
    , raccogliendo
    i bottoni

    Per finire in una stazione illuminata e
    ventosa
    Coi treni ormai partiti, il binario bagnato
    Nudo e teso come me, attento solo
    a captare
    I tuoi passi, e dannato se guardo indietro.




     

    ricordiamo con
    il lutto
    la morte della democrazia
    italiana

    RispondiElimina
  3.  a proposito di tutto ciò, questa notte mi sono svegliato, e dalle finestra che guarda verso il cielo, era tutto un fiorire di stelle.

    Era tanto che non accadeva di vedere così profondamente.
    Poi oggi mi sono ricordato, il 16 ottobre Karol Wojtyla venne eletto Papa.

    RispondiElimina
  4.  a proposito di tutto ciò, questa notte mi sono svegliato, e dalle finestra che guarda verso il cielo, era tutto un fiorire di stelle.

    Era tanto che non accadeva di vedere così profondamente.
    Poi oggi mi sono ricordato, il 16 ottobre Karol Wojtyla venne eletto Papa.

    RispondiElimina
  5.  mi unisco al lutto di Perijulka

    RispondiElimina
  6. Delle volte la sofferenza può causare  notte insonni e giorni pieni di nubi....ma se hai vicino persone che ti sanno capire,amare e ascoltarti....arriva anche l'arcobaleno...

    Ciao DANI...UN KISSSSSSS....

    RispondiElimina
  7. Delle volte la sofferenza può causare  notte insonni e giorni pieni di nubi....ma se hai vicino persone che ti sanno capire,amare e ascoltarti....arriva anche l'arcobaleno...

    Ciao DANI...UN KISSSSSSS....

    RispondiElimina
  8. Stupendi questi versi.
    Un salutone.

    RispondiElimina
  9. Stupendi questi versi.
    Un salutone.

    RispondiElimina

`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,
:::(¯`v´¯),::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
::(_.»✿«_)²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²::::
:::(_..^._).-´Grazie del commento.-.´-.´,.-.´,.-´.::::::::
:::´,.-.´,.,.´,.Arrivederci.-.´-.´,.,.-.´´,-::::::::
:::´,.a presto,.–::::::
:::´,.-.´,.,.´,.´.-.´-.´´,.-.´,.,.´´,.´.,.´.-.´-(¯`v´¯):::::::
:::²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²²(_»✿«_):::::
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::(_..^._)::::::
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·
`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,.·´¯`·.,,.·´¯`·.,,.·